Archivio Tag 'vita'

05 Apr 2005

E la vita continua…

Filed under Internet


…nonostante il cuore sia di piombo.
Il sole filtra tra le nubi, ma non riesce a penetrare il grigiore della cappa che mi protegge.
Ieri mattina sono uscita di casa tremando.
Non volevo che tutto riprendesse come sempre.
“Lutto nazionale”… interessante sintagma.
Ma che diamine voleva dire?
Dovevamo vestirci tutti di nero?
Girare con delle bandiere tenute a mezz’asta?
Me lo sono chiesto mentre flemmatica raggiungevo il Policlinico, varcavo la soglia della scuola di specializzazione e, infine, assistevo annoiata alle lezioni.
Vabbé, in realtà il mio sogno era di non venire a lezione, quello sì, sarebbe stato un bel modo di esprimere il lutto.
Ma questa è un’altra storia.
In realtà, quello che conta è ciò che si prova dentro, giusto?
Beh, allora io non mi sento molto bene.

6 commenti

21 Giu 2004

REGOLE DI VITA PER GATTI

Filed under Argomenti vari


BAGNI:

Accompagnate sempre gli ospiti in bagno. Non è necessario fare niente. Basta stare seduti a guardare.

PORTE:

Non permettete che ci siano porte chiuse in nessuna stanza.

Per far aprire la porta, alzatevi sulle zampe posteriori e martellate con quelle anteriori. Una volta che la porta è aperta, non è necessario usarla. Dopo aver fatto aprire una porta che dà sull’esterno, piazzatevi a metà strada e pensate a varie cose. Questo è particolarmente importante quando fa molto freddo, c’è pioggia o neve, o è la stagione delle zanzare.

SEDIE E TAPPETI:

Se vi viene da vomitare, precipitatevi verso una sedia. Se non fate in tempo, andate su un tappeto orientale. Se non ci sono tappeti orientali, va bene uno di lana. Quando vomitate sul tappeto, ricordatevi di arretrare in modo che venga lungo come un piede nudo umano.

INTRALCIO:

Se uno dei vostri umani è impegnato in qualche attività e l’altro è in ozio, state sempre con quello occupato. Questo si chiama “aiuto”, altrimenti detto “intralcio”.

Seguono le regole per l’”intralcio”:

1) Quando sorvegliate la cucina, sedetevi proprio dietro il tacco sinistro del cuoco. Non vi può vedere e quindi c’è maggior probabilità di essere calpestati e poi presi in braccio e consolati.

2) Se legge un libro, infilatevi sotto il mento, tra gli occhi e il libro, a meno che non possiate sdraiarvi su tutto il libro stesso.

3) Se scrive, sdraiatevi sulla carta nel modo più appropriato per coprire la maggior parte possibile del lavoro. Fingete di dormire, ma di tanto in tanto stiratevi e date una zampata alla penna o matita.

4) Se tiene i conti o fa la denuncia dei redditi o scrive gli auguri di Natale, tenete in mente l’obiettivo: intralciare! Prima di tutto, sedetevi sul foglio su cui sta lavorando. Quando vi fa spostare, guardatelo tristemente dall’altro lato del tavolo. Quando il lavoro procede bene, rotolatevi sui fogli, spargendoli intorno meglio che potete. Dopo che vi ha spostato per la seconda volta, spingete le penne, le matite e le gomme giù dal tavolo, una alla volta.

5) Quando un umano tiene il giornale davanti a sé, ricordatevi di saltare sul retro del giornale. Agli umani piacciono molto i salti.

6) Quando un umano lavora al computer, saltate sul tavolo, attraversate la tastiera, date un colpo al puntatore sullo schermo e poi sdraiatevi sulle braccia dell’umano, intralciando la digitazione.

PERCORSO:

Il più spesso possibile, sfrecciate velocemente e il più vicino possibile davanti agli umani, specialmente: sulle scale, quando portano qualcosa sulle braccia, al buio e appena si alzano la mattina. Questo aiuterà le loro abilità di coordinazione.

LETTO:

Dormite sempre sopra l’umano di notte, così che non si possa rigirare.

LETTIERA:

Quando usate la lettiera, assicuratevi di scalciare fuori più segatura possibile. Gli umani amano sentire la lettiera dei gattini tra le dita dei piedi.

NASCONDERSI:

Di tanto in tanto, nascondetevi in un posto dove gli umani non possano trovarvi. Non fatevi vedere per nessun motivo prima che siano passate 3 o 4 ore. Questo provocherà agli umani panico (che amano) facendoli credere che siete scappati o vi siete persi. Quando poi uscirete allo scoperto, gli umani vi copriranno di affetto e baci e probabilmente vi daranno uno spuntino.

UN ULTIMO PENSIERO:

Ogni volta che è possibile, avvicinatevi a un umano, specialmente alla sua faccia, e presentategli il vostro sedere. Agli umani questo piace molto, quindi fatelo spesso. E non dimenticatevi degli ospiti.

Dedicate a Lucy, che da venerdì è convalescente dopo l’intervento di sterilizzazione, e a tutti gli altri gatti che hanno come compagno di vita un blogger.
Riferimenti: Certosino occhi d’oro

15 commenti