Archive for Agosto 2006

29 Ago 2006

Dal Diario di Lucy (3° episodio)

Filed under Argomenti vari


Caro diario,
sapessi quante cose mi sono successe dall?ultima volta ? Miao!
Me lo sentivo io che sarebbe stato un periodaccio (non per niente ho dei poteri magici da strega?).
Dopo l?episodio delle gocce fredde negli occhi, mamma e papà mi hanno messa in punizione: non solo hanno preso le borsegrandi di nuovo, ma anche la gabbiettacattiva per portarmi via dalla mia casetta.
Sapessi che spavento!
Una mattina si sono alzati presto e mi hanno dato la caccia per tutta casa pur di costringermi ad entrare in quel postaccio. Io ho provato a nascondermi, ma loro erano in due contro una ? miao, non vale! ? e alla fine l?hanno avuta vinta.
E come se non bastasse, poi siamo andati in un posto gigantesco pieno di gente e di strani rumori che non so come si chiama, ma che conosco bene perché ci sono già stata altre volte. Si deve aspettare un po? fino a quando ti fanno entrare in un aggeggio enorme che fa rumore e che mette tanta paura, ma che ti porta come per magia in un altro posto.
Mamma e papà si sono seduti come se niente fosse e hanno appoggiato la gabbiettacattiva con me dentro vicino ai loro piedi. Ogni tanto mi si avvicinavano chiamandomi o miagolando se andava tutto bene.
Ma che miao di domande mi fanno? Io avevo solo una gran voglia di vomitare e scappare e piangere! Ero convinta che per me fosse arrivata la fine (se ancora ci penso mi scappa una lacrima, sniff).
Per farla breve, dopo essere usciti dall?aggeggio rumoroso siamo stati su un altro aggeggio che cammina insieme con un signore dall?aria familiare. La mia mamma lo chiamava ?papà?, come io chiamo il mio papà con le due zampe.
Alla fine siamo arrivati in un?altra casa, più grande della mia casetta, e per prima cosa ho pensato bene di nascondermi sotto un divano.
Solo dopo un po? di tempo mi sono accorta che io lì ci ero già stata e che riconoscevo la stanzetta. Ho fatto qualche prudente giro di ricognizione e, dopo una bella fiutata, mi sono ricordata che quella era la casa della zia Deborah, dei nonni e del cuginetto Icaro, miao.
E infatti, paura iniziale a parte, devo dire che in questa casa grande mi ci sono trovata proprio bene: acqua e pappa sempre fresche, stanza tutta mia ? l?ho dovuta dividere solo qualche volta con il nonno (quello che la mamma chiama ?papà?) quando lavorava su non so quali cose colorate che poi si appendono ai muri -, coccole da tutti, un casino di angoli segreti tutti da esplorare ? anche se qualche volta la nonna mi miagolava forte e mi cacciava -, e giochi con Icaro, il mio amichetto dell?anno scorso che ho ritrovato.
Mi sono divertita un mondo a rincorrerlo e a fargli i dispetti, tanto lui non si arrabbiava quasi mai, anzi mi lasciava fare e mi ospitava spesso sulla sua enorme terrazza. Che gentil-gatto, miao! E che fortunato ad avere tanto spazio tutto per sé. Confesso che a volte lo facevo apposta a rubargli i suoi posti all?ombra preferiti, ihihihi.
Certo, mi sono chiesta come facesse ad essere tanto grosso, soprattutto perché mi ha miagolato di avere 4 anni, per cui è solo un anno più grande di me.
Ora sono un po? giù perché non lo vedo più.
Cioè, sono felicissima di essere tornata a casetta e non vorrei più tornare nella casa grande di Icaro perché sennò mi costringono a salire sull?aggeggio magico ? e quindi nella gabbiettacattiva, gulp! -, però la compagnia di quel gigante buono mi manca, eccome!
Spero che prima o poi venga lui a trovarmi nella mia casetta, anche se onestamente non saprei proprio dove metterlo? la mia cuccia non è grande abbastanza per tutti e due!
Per consolarmi, stavolta metto sotto una sua foto, così quando voglio gli do un salutino con la zampa e una strofinatina sul naso.
Ciao, Icaro, spero di rivederti presto!
Che altro gli dovevo miagolare… miao?
Ah sì… e smettila di annusarmi il? ehm? ?tu sai cosa?.
Se non lo hai ancora capito, io sono una signorina per bene (tanto gentil-gatto per alcune cose, ma per altre un po? duro di comprendonio, miagolo io? tsé tsé).

E ora vado a sgranocchiare due crocchini.
Miaoooo!

Lucy
Riferimenti: Pubblicato anche su "La Musica dei Boschi Vol.2"

8 commenti

18 Ago 2006

Appunti d?agosto (lista)

Filed under Argomenti vari


Parole sconnesse prendono vita in un giorno bollente senza spiaggia.
Le colline del mio paese natale sono la loro culla.
Qualcosa su quest?estate.
Soprattutto, qualcosa di insolito o che di norma non mi accade.
Un?estate che è una sorpresa.

Sto veramente ricaricando le pile.
Ho visto il mare e il mare mi ha vista.
Sono riuscita a fare il bagno senza le paranoie delle meduse.
Un?abbronzatura decente rende di bronzo la mia pelle.
Ho indossato una salopette di gomma verde e degli stivali n° 40 per guadare le gole dell?Alcantara.
Le mie gambe hanno passeggiato sulle pendici dell?Etna.
Ho divorato 2 libri in una settimana e 2 fumetti in 2 giorni.
Mi sono arrossata impronunciabili parti del corpo.
Non ho ancora litigato con nessuno della mia famiglia in modo davvero melodrammatico (e non intendo farlo)
Sogno troppo spesso di fare la spesa al supermarket.
Ho acquistato per mio uso e consumo solo un paio di bermuda.
Amara scoperta dei miei 4 kg di troppo.
Provo un?immensa nostalgia della città, non per la città in sé, ma perché l?uomo che amo è partito prima di Ferragosto per tornare al lavoro.
Tornerò a Roma il 24 agosto e porterò con me Lucy (M. rassegnati, ma la gattaccia qui non la vuole nessuno).
Sento di poter prendere nuove decisioni al rientro, alcune anche drastiche.
Sto rileggendo un libro di Pennac perché qui sono rimasta a secco.
Ho trascorso un po? di tempo con un?amica, gli altri pseudo-amici possono anche andare a?fare quattro passi lontano da me.

Dopo aver riletto questa lista ho scoperto che la psicoanalisi non mi è stata di grande giovamento in questi anni (dovrò farla finita al rientro).

Buon proseguimento d?estate a tutti!

9 commenti