Archive for Luglio 2005

27 Lug 2005

Tempo d’estate

Filed under Argomenti vari


Ecco, è giunto il momento di una bella pausa.
Il mio sarà un agosto febbrile, e non solo per il caldo.
Dovrò portare avanti la mia tesi di specializzazione ed i tempi sono abbastanza serrati, ma in questa dolciastra serata romana che ancora luglio mi regala voglio mettere da parte i pensieri faticosi.
Ho ancora una valigia da riempire, un fidanzato da coccolare ed una gatta da rabbonire per il viaggetto che ci attende domattina.
Ma prima mi appoggio su questa sedia.
Di fronte non ho ancora il mare, ma riesco già a vederlo.

Buone vacanze a tutti!!!

9 commenti

21 Lug 2005

Pagina di moleskine ?sporcata? oggi

Filed under Argomenti vari


«Sfrutto queste pagine per un promemoria.
Oggi ho di nuovo attinto al multietnico e screziato bagagliaio plebeo delle bancarelle. L?estate è il momento ideale per farlo: perché spendere 12 ? almeno per una striminzita canotta che poi userai quasi solo al mare quando ne puoi spendere 2?
Certo, ti sacrifichi alla semplicità e sai che l?indumento in questione potrebbe essere più sensibile a centrifughe ed usura del tempo,ma in quel momento sei felice che il portafogli ? già smilzo di suo – conservi i suoi bei cuscinetti.»

P.S.: La foto l’ho presa in prestito dall’album di Rodi della scorsa estate.

2 commenti

19 Lug 2005

Floppy indemoniato

Filed under Argomenti vari


Ma che succede?
Perché non mi si apre quel dannato floppy?
Cosa dite? C’è dentro una mia ricerca per la tesi?
E perché non mi si apre proprio oggi che mi servivano i file salvati (e non ancora stampati)?
Che dite, avrò perso i miei preziosi articoli e dovrò rifare la ricerca da capo?
E quando la faccio se domani devo portare la bibliografia provvisoria al prof?
Accidenti!
L’unica mia speranza è qualche diavoleria informatica di M., sennò domattina dovrò alzarmi all’alba per essere alle 9 all’università a ripetere la ricerca…
Che il santo protettore dei floppy mi aiuti – se c’è -, e se non c’è speriamo che lo eleggano entro stasera!
Un esorcismo al floppy potrebbe funzionare???

Intanto mi vado a rinfrescare prima di cena, va’…

7 commenti

14 Lug 2005

14 luglio 1789

Filed under Argomenti vari


14 luglio.
Questa la giornata che 216 anni fa è diventata per tutti i cittadini francesi simbolo di libertà e di democrazia nella lotta contro l’oppressione e, grazie al loro esempio, emblema di rivalsa del succube sul potente in tutto il mondo occidentale.

Maximilien Robespierre proclamava:
“Le rivoluzioni che, sino a noi, avevano cambiato la faccia degli imperi non avevano avuto per oggetto che un cambiamento di dinastia o il passaggio del potere da un uomo solo a più persone. La Rivoluzione francese è la prima che sia stata fondata sulla teoria dei diritti dell’umanità e sui principi della giustizia. Le altre rivoluzioni esigevano soltanto dell’ambizione; la nostra impone delle virtù.”

Oggi si continua a commemorare la presa della Bastiglia, in questo giorno che è la festa nazionale francese, e che è stato scelto per sottolineare l’attaccamento dei Francesi alla loro Repubblica conquistata a forza di dure lotte, al motto : Libertà, Uguaglianza, Fraternità.
Motto che forse il genere umano dovrebbe ripetere come un mantra per ricordarlo a se stesso.
Ma sarebbe sufficiente per cambiare il mondo in cui viviamo?
Non dimentichiamo che al grido di quel motto, per quanto giusto ed onorevole, sono stati uccisi migliaia – e più – di esseri umani. E quanti ancora se ne uccidono oggi in nome di una giustizia che non esiste.
Ma bando ai pensieri tristi…

Il 14 luglio è sempre molto celebrato e apprezzato dai francesi.
A Parigi sugli Champs-Élysées si tiene di solito una parata militare preparata con la massima cura per il dettaglio, e in tutta la Francia si tengono feste, balli e spettacoli pirotecnici.
Quest’anno però sembra che sarà una festa sotto tono (vedi riferimento).

Curiosità:
Ma sapete in che anno esattamente il 14 luglio è stato proclamato “festa nazionale”? Non nel 1789….. ma solo nel 1880 !!!

E con quest’ultimo dato di pubblica inutilità, potete smetterla di sbadigliare.
Vive la Révolution!!!

Riferimenti: Il 14 luglio oggi: il Funerale della Repubblica?

7 commenti

11 Lug 2005

Sensations

Filed under Argomenti vari


Riaprire gli occhi nella penombra protettiva mentre da fuori proviene la nenia della pioggia.
Richiudere gli occhi per sprofondare nei sogni soffici che regala il mattino.
Deliziarsi tra lenzuola fresche che avviluppano il corpo tiepido di sonno.
Poi la luce forza le indolenti ciglia.
Labbra affettuose costringono il corpo a riattivare tutte le funzioni.
Ma il corpo si conquista un risveglio morbido e pacato.
Tepori da colazione e parole lette piano, tra un sorso di the ed un fruscio di pagine.
Poi la mente si concede il risveglio di interesse per il giorno che da un po? si muove.
Sprigiona idee, ne prova assetti molteplici, le vivifica in immagini, pretende di descriverle con inappropriati lemmi.
Ed abbandono su questa pagina quella pretesa.

Riferimenti: Ringrazio Manuela per la foto!

7 commenti

02 Lug 2005

I diritti imprescrittibili del Blogger/Lettore

Filed under Argomenti vari


Ho finito di leggere da pochi giorni il libro di Daniel Pennac ?Come un romanzo? e la cosa mi ha suscitato non poche riflessioni. Non si tratta della solita fatica narrativa, ma ? direi ? di una sorta di riflessione attorno ai romanzi e al perché vengano letti e, soprattutto, non letti.
E’ l?auto-riflessione di un prof. di lettere ? nel suo caso, la versione francese del prof. di lettere ? sul perché foruncolosi ed eccentrici adolescenti frequentatori di liceo considerino il libro, e le corrispondenti schede di lettura, alla stregua di mura di cinta a difesa dell?inespugnabile città della cultura. Com?era prevedibile il testo mi ha risvegliato ricordi della mia non troppo lontana adolescenza da lettrice combattuta tra liste infinite di testi consigliati della letteratura classica, melensaggini di scuola Harmony fregate all?amica maggiorenne, occasionali chicche sul paranormale propinatami dall?amica adepta astrologa-cartomante e la personale libreria trasbordante di fumetti. Ancora oggi mi ritrovo spesso ad affrontare questa lotta, fatta eccezione per gli Harmony ai quali ho rinunciato da un pezzo perché sostituiti da testi, per così dire, più maturi ma di matrice ugualmente romantica.
Diciamo che ho rinunciato in effetti alla singolar tenzone preferendo nutrirmi di tutto. Indistintamente.
Detto questo, mi è venuta l?idea di commettere un plagio informato e di riproporre il decalogo che Pennac propone al Lettore ? con la maiuscola per includere tutte le tipologie di lettore – , riscrivendolo per il Blogger ? con la maiuscola per la ragione di cui sopra.
Non si tratta di un plagio fine a se stesso.
Mi è capitato più di una volta di meditare su come un blogger si debba comportare per essere considerato un ?buon blogger? dagli altri colleghi della Blogosfera e la risposta che mi sono sempre data è che ognuno debba essere sempre e solo se stesso. Ciononostante, non è raro trovare per il web articoli ? ironici, indignati, uggiosi ? di gente che non apprezza tale o talaltro commento, che dileggia lo sconosciuto di turno, si lamenta o ignora il tal dei tali per quel suo saluto molesto.
Queste le ragioni per cui mi è sembrato giusto enunciare:

I DIRITTI IMPRESCRITTIBILI DEL BLOGGER/LETTORE

1. Il diritto di non leggere, o procrastinare al futuro la lettura o rinunciare per sempre a scoprire cosa dice quel particolare articolo.
2. Il diritto di saltare le righe o le pagine web.
3. Il diritto di non finire di leggere un articolo.
4. Il diritto di rileggere.
5. Il diritto di leggere qualsiasi cosa, indi qualsiasi tipo di blog, secondo il proprio ?gusto?.
6. Il diritto al bovarismo, ovvero soddisfare nell?immediato l?immaginazione ed inebriarla di sensazioni, prendendo momentaneamente le lucciole del nostro quotidiano per le lanterne dell?universo weblog altrui (parafrasando Pennac).
7. Il diritto di leggere ovunque, qualunque sia la postazione di lettura.
8. Il diritto di spizzicare.
9. Il diritto di leggere e commentare ?ad alta voce?, ossia di esprimere qualunque parere, purché non troppo offensivo per il blogger/ scrittore.
10. Il diritto di tacere, vale a dire leggere senza commentare.

Immagino che molti di voi dopo aver esercitato il ?diritto di leggere? avranno molto da dire e da ridire in merito. Molti altri ? e credo sarete i più ? vi sarete appellati ai diritti 1, 2, 3 o 10. Io mi auguro che almeno qualcuno di voi rivendichi il diritto numero 9 e si esprima ?ad alta voce?. Senza pomodori o uova marce, please.

Buona lettura o non-lettura!

14 commenti